Giunti Editore

— Parola all'autore

Lei non sa chi sono io! Con Loredana Lipperini

Lei non sa chi sono io! Con Loredana Lipperini

Lei non sa chi sono io! è un questionario semiserio per conoscere meglio i nostri autori. In questa puntata chiacchieriamo con Loredana Lipperini: è giornalista, narratrice, amatissima voce di Fahrenheit su Radiotre e scrive per le pagine culturali de “la Repubblica”. Il suo blog Lipperatura, attivo dal 2004, è un punto di riferimento per la discussione letteraria, culturale, politica. Per Bompiani ha scritto Magia nera e L'arrivo di Saturno.


Chi ti ha insegnato a leggere e scrivere?

Nessuno. Ho imparato a leggere da sola intorno ai quattro anni, scoprendo che la parola treno evocava proprio un treno. A cinque ho provato a riprodurre le parole con la matita, ma ero terribilmente pasticciona, e le cancellavo subito. Bucando il foglio.

Volevi fare lo scrittore già da piccolo?

No. Volevo fare, nell’ordine, l’agente segreto e il bounty killer, dal momento che le frequentazioni cinematografiche di mio padre e mie erano 007 e Sergio Leone. Ho cominciato a sognare la scrittura, e a praticarla, nei primi anni delle medie.

Qual è il primo libro che ricordi di aver amato da bambino, e l’ultimo libro che hai letto? 


I quattro libri di Mary Poppins di Pamela Travers, che sono peraltro libri squisitamente gotici. Quanto all’ultimo libro letto, beh, risposta difficile. Al momento in cui rispondo è Nel grande vuoto di Adil Bellafqih, esordiente, mio ex allievo a Bottega Finzioni. Ma credo che ce ne saranno almeno altri cinque prima che la risposta vi arrivi.

Dove scrivi, come scrivi (a mano o su un computer) e in quali momenti della giornata?

Scrivo a mano in qualunque momento, sul classico taccuino che porto in borsa, e la sera riporto su computer gli appunti presi. Non ci sono momenti specifici: quando posso, come posso.

Qual è la libreria che frequenti più spesso?

Visti gli spostamenti, Borri Books alla stazione Termini. E, per amore e permanenza, L’ultima spiaggia di Fabio Masi a Ventotene.

In viaggio porti con te libri di carta o eReader?

Porto sempre tutti e due.

Dove preferisci leggere?

Potendo scegliere, sulla mia poltrona con due gatti sulle ginocchia. Nei fatti, leggo ovunque, specie su mezzi pubblici e treni.

In che ordine tieni i libri sui tuoi scaffali?

Ho disperatamente provato a ordinarli in ordine alfabetico ma non ci sono riuscita. C’è un ordine sentimentale: i preferiti nella libreria in camera da letto, quelli che mi servono per lavoro in quella all’ingresso, i grandi (per me, almeno) in salotto, i non molto amati ma comunque amati nella stanza degli ospiti.

Casa editrice o autore straniero molto amato?

Ah ah ah. Non è noto? Stephen King.

Un titolo che ti rappresenta o che vorresti aver scoperto tu.

La lotteria di Shirley Jackson. Vorrei averlo scoperto, con tutto il cuore.

C’è un libro che ti ha salvato in un momento difficile, o che ha cambiato il tuo percorso di vita?

Sì. Orlando furioso. Letto “davvero” durante i cinque mesi in ospedale mentre aspettavo la nascita di mia figlia.

Un libro che hai regalato a una persona amata?

I racconti di Alice Munro. Tutti.

Qual è il personaggio letterario che hai amato maggiormente?

A 15 anni ero innamorata di Don Juan Tenorio. Facciamo contare solo il primo amore, o sarebbero troppi.

E quale il luogo della letteratura – anche fantastico – che vorresti visitare?

Ovviamente, la Terra di Mezzo.

Quale libro secondo te si dovrebbe far leggere a scuola?

It.

Quale consiglio daresti a uno scrittore esordiente?

Leggi leggi leggi leggi leggi. Anche il bugiardino dei medicinali. E poi leggi leggi leggi. Gioca. Videogioca. Ascolta musica. Vai ai concerti. Leggi leggi leggi. Vivi. Poi leggi. Poi scrivi.

Facebook, Twitter, Instagram, o sei per il silenzio-social?

Parlo fin troppo. Su Instagram però osservo solo le foto degli altri.

Un aggettivo per il tuo carattere e un carattere di stampa che ti piace.

Gothic va bene per entrambi.

Copertina rigida o brossura?

Non fa differenza.

Un tuo sogno?

Giocavano come gattini nel crepuscolo. Era Hemingway, ma non se la prenderà.


Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla newsletter, non perderti il prossimo!