Giunti Editore

— Parola all'editore

Freschi di stampa. Le novità in libreria per Bompiani a settembre 2020

Freschi di stampa. Le novità in libreria per Bompiani a settembre 2020

Tutto, ma proprio tutto quello che porteremo in libreria a settembre: uno sguardo in anteprima alle nostre proposte. Ti sei perso qualcosa? Leggi cosa è successo i mesi scorsi.

Ti piace questo articolo? Non perderti il prossimo: iscriviti alla newsletter.


Ben tornati, lettori! Dopo la pausa di agosto siamo pronti a raccontarvi le novità che troverete sugli scaffali a settembre. E non sono poche!

In evidenza

Di certo il titolo più atteso dell'autunno Bompiani è M. L'uomo della provvidenza di Antonio Scurati, secondo capitolo della quadrilogia dedicata alla storia di Benito Mussolini. M. non è più raccontato da dentro perché diventa un’entità distante, “una crisalide del potere che si trasforma nella farfalla di una solitudine assoluta”. Attorno a lui gli antichi camerati si sbranano tra loro come una muta di cani. Il Duce invece diventa ipermetrope, vuole misurarsi solo con le cose lontane, con la grande Storia. A dirimere le beghe tra i gerarchi mette Augusto Turati, tragico nel suo tentativo di rettitudine; dimentica ogni riconoscenza verso Margherita Sarfatti; cerca di placare gli ardori della figlia Edda dandola in sposa a Galeazzo Ciano; affida a Badoglio e Graziani l’impresa africana, celebrata dalla retorica dell’immensità delle dune ma combattuta nella realtà come la più sporca delle guerre, fino all’orrore dei gas e dei campi di concentramento. Il cammino di Scurati prosegue qui in modo sorprendente, sollevando il velo dell’oblio su persone e fatti di capitale importanza e sperimentando un intreccio ancor più ardito tra narrazione e fonti dell’epoca. Fino al 1932, decennale della marcia su Roma.

Narrativa italiana e straniera

Ma settembre è anche il mese in cui salutiamo la nascita di un romanzo che ha emozionato e coinvolto tutti, in casa editrice. È la storia di Iole e Sandro, che diventano amanti e decidono che la segretezza è la risorsa più preziosa del loro amore, non il suo limite: così si danno delle regole, scritte per proteggere il loro sentimento dall’usura del tempo. Scoprite insieme a noi Le regole degli amanti di Yari Selvetella.

Tra gli stranieri spicca sicuramente il ritorno in libreria del romanzo del premio Nobel Olga Tokarczuk Nella quiete del tempo, che racconta le vicende degli abitanti, bizzarri come carte di tarocchi, di Prawiek, un villaggio situato al centro dell’universo e protetto da quattro arcangeli, che ne vegliano i confini.

Charcoal Joe di Walter Mosley, invece, è l'ultimo libro dedicato al detective nero Easy Rawlins, paragonato a Philip Marlowe, che si muove nella Los Angeles hard boiled dal dopoguerra agli anni sessanta.

Infine Ricordando l'Apocalisse, che va ad arricchire la nuova collana I libri di Kurt Vonnegut e che raccoglie gli ultimi interventi scritti dal grande autore americano prima della morte oltre ad alcuni dei suoi racconti che ritornano ossessivamente sul tema irrisolvibile della guerra.

Saggistica: Amletica leggera, Campo Aperto, Overlook

La collana Amletica leggera si arricchisce dell'ultimo libro di Valentina Crepax, che ci ha lasciati da pochissimo. Io e l'asino mio, fra musica, arte, fumetti, animali e bambini, riporta alla luce l'umorismo senza pari di una famiglia dal gran nome e le sue storie sullo sfondo della Milano degli anni cinquanta, una città da ricostruire.

Lo sviluppo della semiotica di Roman Jakobson è invece il nostro nuovo titolo di Campo Aperto, la collana di semiotica diretta da Stefano Bartezzaghi: una raccolta di quattro saggi per riscoprire una delle figure fondamentali del pensiero del Novecento.

Infine Conferenze e discorsi (1936-1958) di Albert Camus raccoglie trentaquattro discorsi pubblici pronunciati dal premio Nobel francese nel corso di un ventennio e che ci restituiscono tutta la forza e lo spirito indomito del grande scrittore.

Il pensiero occidentale, I classici della letteratura europea

Le Opere complete di Blaise Pascal e L'anatomia della malinconia di Richard Burton sono i due classici del pensiero che proponiamo nelle due collane Il pensiero occidentale e I classici della letteratura europea. Di Pascal sono già disponibili i Pensieri, ma mancava il corpus delle opere; Burton, invece, che trascorse la vita nelle biblioteche di Oxford, intento a studiare e a scrivere, pubblicò nel 1621 la prima edizione del suo capolavoro, l’opera della vita alla quale lavorò senza sosta, continuamente rivedendola e ampliandola, fino all’ultima edizione, la sesta, che uscì postuma nel 1651.

CapoVersi

A un anno dalle prime tre uscite anche i CapoVersi si arricchiscono di due nuovi titoli, entrambi di donne, entrambi dall'America latina: si tratta di Sillabe di fuoco, antologia del premio Nobel cileno Gabriela Mistral, e Pellegrino in ascolto, poesie scelte di Ida Vitale, seconda uruguayana nella storia a vincere, nel 2018, il premio Cervantes. Due voci diversissime, preziose per gli appassionati di poesia.

Tornano in libreria

Riportiamo sugli scaffali Il ricco e il povero di Irwin Shaw, vero e proprio bestseller degli anni sessanta e settanta, affresco impietoso del sogno americano incarnato dalle vicende della famiglia Jordache. Fu con questo romanzo, portato in Italia da Bompiani poco dopo la pubblicazione originale con il titolo Povero ricco, che Shaw divenne famoso nel mondo.

I Classici contemporanei si arricchiscono da ultimo dei Racconti 1927-1951 di Alberto Moravia: a trent'anni dalla scomparsa dell'autore riproponiamo il libro con cui vinse nel 1952 il premio Strega e che fu immediatamente messo all'Indice dalla Chiesa cattolica.

 

E per ora è tutto: appuntamento al mese prossimo. Non mancate!