Giunti Editore

— Parola all'editore

Freschi di stampa. Le novità in libreria per Bompiani a marzo 2021

Freschi di stampa. Le novità in libreria per Bompiani a marzo 2021

Tutto, ma proprio tutto quello che porteremo in libreria a marzo: uno sguardo in anteprima alle nostre proposte. Ti sei perso qualcosa? Leggi cosa è successo i mesi scorsi.

Ti piace questo articolo? Non perderti il prossimo: iscriviti alla newsletter.


Ben tornati, lettori, al racconto in anteprima delle novità Bompiani che troverete sugli scaffali nel mese di marzo.

In evidenza

Iniziamo da Bianca Pitzorno: il nuovo romanzo, Sortilegi, racconta di Caterina, che non sa leggere né scrivere, ma sa orientarsi nel bosco, accendere un fuoco, mungere la capra. Il babbo, la mamma, le sorelle non sono più tornati, e lei non sa che i monatti se li sono portati via: pensa che non ci sia più nessuno intorno a lei, nella grande vallata di Vallebuja. Però le è rimasta la capretta, e poi c’è il merlo indiano: che parla con la voce di suo padre e non la fa mai sentire sola. Quando Lorenzo, lo scrivano, sceso fino al greto del fiume vede la fanciulla biondissima bagnarsi in quelle acque, rimane folgorato e non riesce a tacere la sua emozione. Ma tutti in paese s’indignano: ecco chi è responsabile della carestia, della peste, di tutte le disgrazie che li colpiscono! C’è una strega a Vallebuja, e il solo modo per spezzare il suo sortilegio è catturarla.

La collana Munizioni, diretta da Roberto Saviano, si arricchisce di un nuovo titolo, Il capitale amoroso, di Jennifer Guerra. Secondo l'autrice, mentre il nostro immaginario è infarcito di amore – in una versione romantica e fasulla, veicolata da romanzi, film e pubblicità –, la nostra società si comporta come un amante dal cuore spezzato: è cinica e sprezzante e lo considera un sentimento stupido, inutile o noioso, una fantasia per adolescenti, un ripiego per chi non sa stare solo, un lusso per pochi. Questa contronarrazione ci vuole sempre più soli, divisi e in competizione fra noi. Concentrati su noi stessi, ci vediamo rubare il tempo che potremmo usare per coltivare le relazioni con gli altri, amore compreso.

Narrativa italiana

Torna la voce originale e sottilmente inquietante di Athos Zontini con La bella indifferenza. È la storia di Ettore Corbo che un giorno scopre di non riuscire più a vedere le facce delle persone. Al loro posto il vuoto, un vuoto ovale e teso. Le analisi non danno esiti misurabili, e per Corbo non c’è alcun modo di uscire da questa condizione di cecità parziale che gli nasconde gli altri, o forse glieli mostra interi nella loro nudità inespressiva. Sempre più solo, sempre più silenzioso, feroce, pungente, impermeabile, Corbo si chiude in se stesso e insieme si apre a un’altra possibilità di vita, assurda quanto lo può essere un manichino dal volto piatto.

Anche Gianfranco Calligarich torna in libreria con un nuovo romanzo, Una vita all'estremo. È la storia dell'impresa di Vittorio Bottego, esploratore italiano in Africa, un uomo preda della sua brama di vivere, sempre pronto a sfidare i colleghi ufficiali in caserma, adorante ammiratore di Stanley e della sua avventura africana tanto da farsene emulo, arruolandosi come volontario per l’impresa in Abissinia lanciata dall’Italia dopo il massacro di Dogali.

Marta Ceroni, invece, nel suo L'anatra sposa, racconta un'avventura lungo il grande fiume Po, nei luoghi di Guareschi, a Ghiarole, dove la vita procede scandita dal ritmo delle stagioni e una delle rare ragioni di curiosità sono le due sorelle selvatiche, che crescono insieme alla mamma in una casa lungo l’argine: Nevia, bella, morbida e svagata, e Alda, vivacissima e veloce. Nessuno in paese avrebbe mai detto che a cambiare tutto non sarebbe stata la piena bensì Nazareno, il pastore, e con lui, in una gabbia, un’anatra meravigliose. 

Infine Nessuna parola dice di noi di Gaia Manzini è la storia di Ada, brillante pubblicitaria che gioca con le parole e ci lavora, con le quali sa giocare, ferire, costruire universi. Ma non pronuncia mai quelle che la raccontano davvero: che ha una figlia, che non ha scelto di essere madre, che non ha mai voluto esserlo. Ada desidera riavere la propria giovinezza e forse il viaggio negli Stati Uniti con Alessio – il collega con cui sta bene, benissimo, come con nessun altro, ma che è gay – potrebbe essere l'occasione per dirle, quelle parole non dette, e per esplorare i sogni impronunciabili.

Narrativa straniera

Con Talento di Juliet Lapidos andiamo oltre Atlantico e incontriamo una giovane ricercatrice a caccia dei quaderni inediti di uno scrittore elusivo. Si può fare di tutto per amore di sensazione? È giusto usare l’opera altrui per fare la propria fortuna? Un romanzo di domande, furti, imbrogli, bugie, colpi di scena. La storia di un autore e dei suoi misteri. Un’indagine sui pericoli che si corrono quando ci si avvicina troppo alla fiamma del talento.

Un romanzo messicano Jorge Volpi ci porta, come dice il titolo, in Messico, e ci svela, da vero e proprio libro-documento, il complesso caso di Israel Vallarta e Florence Cassez, arrestati con l'accusa di essere membri dell'associazione criminale La Banda dello Zodiaco e torturati, vedendosi negare i diritti fondamentali. Quando gli avvocati difensori sottolineano le incongruenze tra i rapporti di arresto i video e la versione degli imputati, inizia una corsa contro il tempo per scoprire uno dei più grandi casi di insabbiamento della storia messicana.

Saggistica e varia

Passiamo alla saggistica con il carteggio tra Silvia Giacomoni e Carlo Maria MartiniDiavolo d'un cardinale, che racchiude una corrispondenza durata trent’anni che testimonia un rapporto speciale, fatto di ironia, confidenza rispettosa e profondissima amicizia tra il cardinale di Milano e la giornalista della Repubblica che si trovò a raccontarne per il suo giornale i momenti pubblici, i discorsi e l'attività pastorale.

Il telescopio della letteratura di Alessandra Grandelis invece ha per sottotitolo “Gli scrittori italiani e la conquista dello spazio” ed è infatti un viaggio in compagnia di scrittori e poeti che si sono lanciati nell’immensità del cosmo: la letteratura come telescopio da puntare dalla Terra al cielo e viceversa. È una doppia prospettiva per sondare cosa sia rimasto dell’ignoto durante e dopo la corsa allo spazio, e per scrutarne gli effetti sul pianeta in un momento, dal dopoguerra in poi, di enormi trasformazioni, soprattutto in Italia.

Sul fronte Storia Paperback invece ripropniamo la Storia dell'Albania contemporanea di Antonello Folco Biagini, che ripercorre la travagliata storia del paese delle aquile concentrandosi sui conflitti del Novecento, dalla lotta per l'indipendenza dall'Impero ottomano all'invasione italiana fino al terrificante regime di Hoxha e oltre.

Pensiero occidentale e Classici (della letteratura europea e Contemporanei)

La collana del Pensiero occidentale si arricchisce del Commento agli Inni orfici di Matteo Tafuri. Per la prima volta una nuova edizione critica degli Inni orfici, dei quali è latore il codice Vaticano greco 2264. Ventidue inni, brevi componimenti in esametri dedicati a varie divinità, preceduti dal proemio di Orfeo a Museo e da due biografie del mitico cantore. Sono preghiere maturate in un contesto pagano o rivolte agli dei e che hanno avuto un'influenza enorme sulla storia del pensiero occidentale. L'edizione è un unicum a livello nazionale e internazionale: oltre a tramandare il testo originale degli Inni, è corredata dell’unico commento in lingua greca, vivace interpretazione dei poemi orfici in chiave rinascimentale.

Sempre nel Pensiero occidentale sbarca I Salons di Denis Diderot, un documento critico fondamentale per comprendere l’estetica, l’arte e la critica d’arte del Settecento. Per la prima volta arriva in Italia l'edizione critica completa dei Salons che il grande enciclopedista composa tra il 1759 e il 1781 con cadenza biennale.

Arriva invece nei Classici contemporanei Il diavolo in corpo di Raymond Radiguet. Romanzo mitico, scritto da un enfent prodige adolescente, narra la storia di un liceale quindicenne, brillante e viziato, che incontra una giovane donna, Marthe, con cui intreccia una relazione, nonostante lei sia in procinto di sposarsi con un soldato in partenza per il fronte. L’amore folle e assoluto che scoppia tra i due non si ferma davanti a nulla, sfida le critiche degli amici e dei genitori e li conduce in una spirale di ansia, angoscia e crudeltà involontarie da parte del ragazzo, costituzionalmente incapace di vivere, egocentrico e immaturo, mortalmente affascinante.

Illustrati 

Dall'incontro tra la penna pungente di Florence Parry Heide e la matita inconfondibile e ugualmente acuminata del grande Edward Gorey nacque nel 1971 la trilogia di Tricorno: a marzo porteremo in libreria il primo capitolo, Tricorno si restringe, piccolo e sottilmente inquietante classico americano per ragazzi.

L'Abbecedario di Gillo Dorfles, invece, è un viaggio avvincente tra lettere e numeri, un libro d’arte e un tuffo nella fantasia di un maestro del Novecento. Che ha pensato di sollecitare la curiosità di “noi nipoti” disegnando questo abbecedario, anche se, pur piccoli, in parte sapevamo già districarci con la lettura. I significati di riferimento sono un campionario di animali, nomi e aggettivi spesso di uso non comune che l'autore, dopo averne tracciato il contorno a penna, ci invita a completare con i colori a pastello e a inventarne i nomi.

Poesia

L'antologia Braci a cura di Arnaldo Colasanti raccoglie alcune delle principali voci poetiche italiane contemporanee in un percorso avvincente che indaga il fare poesia in Itaia oggi: da Valerio Magrelli e Milo De Angelis, da Eugenio De Signoribus a Pierluigi Cappello, ma anche Patrizia Valduga, Silvia Bre, Mariangela Gualtieri, Antonella Anedda, Roberto Carifi, e tanti altri.

Arriva poi in libreria Ho sognato di vivere!, la raccolta delle poesie giovanili inedite di Carmelo Bene. Scritte tra il 1954 e il 1958 e ritrovate tra i documenti di famiglia dal nipote Stefano De Mattia, questi testi rappresentano una tappa importante nella storia letteraria di Bene: sono lo slancio dell’artista da giovane, che si misura con le parole, la forma e il suono, e ne sperimenta l’effetto; ma anche pagine di un diario intimo, in cui amore, solitudine, desiderio di fuga e d’indipendenza si mescolano con il racconto di ciò che si osserva.

Ritornano in libreria

Sono tanti i ritorni in libreria nei nostri Tascabili a marzo. Per primi citiamo I padri lontani di Marina Jarre ed Eva dorme di Francesca Melandri. Il primo – a cura di Marta Barone – è forse il capolavoro di un'autrice da riscoprire, un racconto dalla forma autobiografica, che si snoda dal paese di origine dell’autrice, la Lettonia degli anni venti e trenta, alle valli valdesi del Piemonte fino alla Torino dei giorni nostri, sempre sottratto a ogni vagheggiamento nostalgico. Il romanzo della Melandri, invece, longseller tradotto in tutto il mondo, narra la storia di Eva e quella di una intera regione, l'Alto Adige, “italianizzata” a forza, ma dallo spirito indomito.

Tra gli altri, poi, molti titoli amatissimi del nostro catalogo più o meno recente: L'orologiaio di Filigree Street di Natasha Pulley, Martha Peake di Patrick McGrathTango masai di Maxence Fermine, la nuova edizione di Europei senza se e senza ma di Guido Barbujani. E poi ancora Tipi non comuni di Tom HanksLa valle del kamasutra di Tonino GuerraStoria della mia gente di Edoardo Nesi.

1+1

Vi anticipiamo la nostra promozione del mese di marzo: alcuni titoli del nostro catalogo in formato tascabile, segnalati da un apposito bollino e dalla dicitura 1+1, saranno disponibili al prezzo di 9,90 € la coppia. In altre parole, il nostro “prendi due paghi uno” per festeggiare l'arrivo della primavera.

E per ora è tutto: appuntamento al mese prossimo. Non mancate!