Giunti Editore

— Parola all'editore

Freschi di stampa. Le novità in libreria per Bompiani a marzo 2020

Freschi di stampa. Le novità in libreria per Bompiani a marzo 2020

Tutto, ma proprio tutto quello che porteremo in libreria a marzo. Dalle novità alle ristampe uno sguardo in anteprima alle nostre proposte. Ti sei perso qualcosa? Leggi cosa è successo a settembre e ottobre

Ti piace questo articolo? Non perderti il prossimo: iscriviti alla newsletter!


Ben tornati, lettori! Marzo è già iniziato da ben tre giorni, ma le nostre prime novità del mese non arriveranno sugli scaffali che l'11. Quali saranno lo potete scoprire come sempre leggendo questo articolo!

In primo piano

Due sono le novità di narrativa italiana che mettiamo in primo piano: partiamo da Sud, la nuova fatica di Mario Fortunato, una cronaca familiare borghese di Calabria, dall'inizio del XX secolo a oggi, raccontata da chi non vedeva l'ora di andarsene e che solo con la maturità ha scoperto quanto quelle radici l'abbiano reso ciò che è.

La seconda è Noi di Paolo di Stefano, viaggio nel tempo dal passato reale al futuro possibile del fratello dell'autore, morto di leucemia infantile l'anno prima che questa diventasse curabile: un intero universo di vite non illustri ma ugualmente notevoli riunite attorno alla voce narrante per ricordare e fermare l'amato, invidiato fratellino precocemente perduto.

Passano invece alla straniera, torna Alan Parks con il terzo pannello del polittico dedicato alle indagini di Henry McCoy nella Glasgow nera degli anni settanta: L'ultima canzone di Bobby March. Per l'occasione torneranno in libreria, in versione economica, anche i primi due capitoli della saga, Gennaio di sangue e Il figlio di febbraio.

Narrativa italiana e straniera: novità

Oltre a quelle già menzionate sono tre le novità di narrativa italiana in arrivo a marzo: la prima autrice va sotto lo pseudonimo Giulia Contini e il suo La stanza dei canarini è un esordio arduo e feroce come l'amore difficile, segreto, astuto, delicato e sconveniente che racconta, quello tra un'adolescente e una donna matura.

Alcide Pierantozzi, invece, arriva in Bompiani con L'inconveniente di essere amati, storia di Paride che da Milano torna in provincia, a Calanchi, sulla Rivera delle Palme, in cerca di un posto per risalire, tornare a scrivere canzoni. Con il respiro di un romanzo d’amore che si legge come un film, disarmante e doloroso, pure molto intimo, questo libro ci racconta com’è complicato capire da cosa siamo attratti e fino a dove può spingersi la nostra lotta quotidiana per amare ed essere amati.

Sul fronte della straniera, il marzo Bompiani è decisamente orientato a est: Turchia, Polonia e Iran.

Dal Bosforo arriva La macchina della pace di Özgür Mumcu, avventura steampunk sullo sfondo dell'Europa di inizio Novecento, da Istanbul a Parigi fino a Belgrado per svelare il mistero della macchina della pace, capace di azzerare ogni violenza, prima che l'umanità incontri il proprio destino.

La polacca (ma inglese d'adozione) Wioletta Greg ci regala invece Un frutto acerbo, romanzo di voci femminili, benevole ma anche capricciose, dove l'incertezza politica e le ombre anche dolorose del passato riescono ancora a oscurare il presente. È la storia di Wioleta, nata in un villaggio agricolo nella Polonia degli anni settanta: un'infanzia scandita dalle feste di paese, da una vita semplice a stretto contatto con la natura, dai pettegolezzi delle donne e dai piccoli e grandi segreti che tutti nascondono dietro le porte chiuse a chiave.

Dalla Persia invece proviene Tehran Girl di Mahsa Mohebali, narrazione tesa in cui l'autrice, molto amata in patria, ribalta il cliché della donna oggetto e ci racconta il presente e il passato del suo paese, l’Iran, con una scrittura senza filtri, esplicita e irriverente.

Narrativa straniera: dai nostri autori

Oltre ai titoli raccontati qui sopra, a marzo vi proproniamo anche tre romanzi di scrittori già conosciuti e già parte del catalogo Bompiani. 

Partiamo da Wallace Stegner, di cui riportiamo in libreria il capolavoro Angolo di riposo, storia della famiglia Ward, di Oliver e Susan, stagliata sugli sconfinati paesaggi del West e riletta dagli occhi del nipote Lyman, professore di storia in pensione, consumato da una rara malattia ossea che lo sta trasformando in un fossile.

Del Premio Nobel 2018 Olga Tokarczuk riproponiamo invece Guida il tuo carro sulle ossa dei morti, una commistione di noir, thriller e romanzo ecologista, in cui l'autrice indaga la follia, il femminismo, l’ingiustizia verso gli emarginati, i diritti degli animali: surreale, acuta, melanconica, sconcertante, Olga Tokarczuk interroga il presente anche quando sembra parlare di tutt’altro.

Jess Kidd, infine, torna in libreria con La follia dei Flood, storia di Cathal Flood, accumulatore compulsivo in quella che sarebbe una splendida casa d'altri tempi, e di Maud Drennan, l'incaricata dei servizi sociali che deve mettere un poco d'ordine. Liberando pian piano la cucina, un angolo di corridoio e il bagno del piano terra, cerca di fare i conti con il brutto carattere di Flood e l'orda di gatti che vivono con lui. Ma sotto strati di memoria la casa nasconde anche ricordi dolorosi e misteri su cui Maud decide di fare chiarezza con l'aiuto di Renata, eccentrica padrona di casa appassionata di libri gialli, e di uno stuolo di santi, impiccioni e sarcastici, che solo lei può vedere.

Non-fiction: novità

Sul versante non-fiction iniziamo con Meir Shalev che ci racconta Il mio giardino selvaticonella valle di Jezreel, dove ha nutrito alberi e piante selvatici, sparso semi e bulbi di ciclamino, anemone, narciso, croco, papavero e molti altri fiori di campo, e dove conversa con i veri proprietari del luogo: uccelli, ricci, farfalle, cinghiali, serpenti e altri amici. Nessuno di loro sa di vivere in Terra Santa, luogo sacro alle tre religioni che si sono combattute per centinaia di anni.

Milano. Storia comica di una città tragica è invece l'appassionante racconto che Giulio D'Antona fa della gloriosa stagione dei nightclub milanesi: dal Derby allo Zelig, da Jannacci ad Abatantuono, da Cochi e Renato ad Aldo, GIovanni e Giacomo.

Portiamo poi in Italia un classico del pedagogista John HoltCome apprendono i bambini, vera pietra miliare che al suo apparire, nel 1967, fece scalpore: dimostrava a genitori e insegnanti che imparare è normale come respirare: se ci fidiamo dei bambini e della loro innata capacità di imparare ancora prima che mettano piede in un’aula scolastica, allora potremo creare scuole che rendano l’apprendimento facile e naturale. Il compito di genitori e insegnanti è preparare scuole per i bambini e non preparare i bambini per la scuola, perché i bambini imparano da tutto quello che vedono, ovunque si trovino.

Da ultimo Roberto Carnero racconta, nel suo Il bel viaggio. Insegnare letteratura alla generazione Z, la sfida di ristabilire un legame tra gli scrittori e i giovani, per svelare come romanzi, racconti, poesie, pagine scritte decenni e secoli fa possano regalare emozioni e spunti straordinari anche in un'epoca di velocità forsennata.

Tornano in libreria

Tanti i titoli che tornano in libreria dopo un po' di assenza dagli scaffali e tutti in formato tascabile. L'unico titolo straniero è La mia Australia di Sally Morgan, ora nella nuova traduzione Maurizio Bartocci, mentre tra gli italiani abbiamo un paio di classici del Novecento, come Casa d'altri e altri racconti di Silvio D'Arzo, a cura di Roberto Carnero, e Storie dell'anno Mille della coppia Tonino Guerra/Luigi Malerba. Torna in libreria anche Il tempo migliore della nostra vita del nostro Premio Strega Antonio Scurati, senza dimenticare Per voce sola di Susanna Tamaro e l'edizione riveduta e ampliata di Vita oscura e luminosa di Dino Campana di Gianni Turchetta.

Ragazzi

La fiera di Bologna purtroppo è stata rimandata, ma questo non significa che tra le nostre uscite di marzo non siano presenti un paio di titoli per ragazzi. Il primo è di Matteo CorradiniSe la notte ha un cuore, una storia di amicizia e rese dei conti, dura, terribile e vitale come l'adolescenza: protagonisti un chierichetto dubbioso e una majorette che non parla, in fuga da un campo estivo tedioso.

Il secondo è un libro di un'autrice inglese di cui Bompiani sta a poco a poco riscoprendo e ripubblicando le opere, Rumer Godden. A marzo arriverà nelle librerie Nella città una rosa, una storia intensa e commovente ambientata nella Londra degli anni '50, un moderno giardino segreto all'interno di una chiesa bombardata.

 

E per ora è tutto: appuntamento al mese prossimo. Non mancate!