Giunti Editore

— Parola all'editore

Freschi di stampa. Le novità in libreria per Bompiani a maggio 2020

Freschi di stampa. Le novità in libreria per Bompiani a maggio 2020

Tutto, ma proprio tutto quello che porteremo in libreria a maggio: uno sguardo in anteprima alle nostre proposte. Ti sei perso qualcosa? Leggi cosa è successo i mesi scorsi!

Ti piace questo articolo? Non perderti il prossimo: iscriviti alla newsletter!


Ben tornati, lettori! Stiamo lentamente ripartendo dopo un periodo molto difficile ma come voi siamo ansiosi di ritornare in libreria! Molte delle uscite che avevamo già presentato come in arrivo a marzo sono state giocoforza rimandate e potranno arrivare sugli scaffali solo tra maggio e giugno. Quali saranno quelle che stanno per vedere la luce lo potete scoprire come sempre leggendo questo articolo!

In primo piano

Tra le uscite slittate a questo mese e che avevamo già presentato la prima è Noi di Paolo di Stefano, viaggio nel tempo dal passato reale al futuro possibile del fratello dell'autore, morto di leucemia infantile l'anno prima che questa diventasse curabile: un intero universo di vite non illustri ma ugualmente notevoli riunite attorno alla voce narrante per ricordare e fermare l'amato, invidiato fratellino precocemente perduto.

L'altra novità su cui accendiamo i riflettori è naturalmente il secondo capitolo della saga del Signore degli anelli di J.R.R. TolkienLe due torri: prosegue l'impresa di ritradurre il celebre classico del fantasy a opera di Ottavio Fatica.

Non-fiction: novità

Sul versante non-fiction iniziamo con Meir Shalev che ci racconta Il mio giardino selvaticonella valle di Jezreel, dove ha nutrito alberi e piante selvatici, sparso semi e bulbi di ciclamino, anemone, narciso, croco, papavero e molti altri fiori di campo, e dove conversa con i veri proprietari del luogo: uccelli, ricci, farfalle, cinghiali, serpenti e altri amici. Nessuno di loro sa di vivere in Terra Santa, luogo sacro alle tre religioni che si sono combattute per centinaia di anni.

Porteremo poi in Italia un classico del pedagogista John HoltCome apprendono i bambini, vera pietra miliare che al suo apparire, nel 1967, fece scalpore: dimostrava a genitori e insegnanti che imparare è normale come respirare: se ci fidiamo dei bambini e della loro innata capacità di imparare ancora prima che mettano piede in un’aula scolastica, allora potremo creare scuole che rendano l’apprendimento facile e naturale. Il compito di genitori e insegnanti è preparare scuole per i bambini e non preparare i bambini per la scuola, perché i bambini imparano da tutto quello che vedono, ovunque si trovino.

Da ultimo Roberto Carnero racconta, nel suo Il bel viaggio. Insegnare letteratura alla generazione Z, la sfida di ristabilire un legame tra gli scrittori e i giovani, per svelare come romanzi, racconti, poesie, pagine scritte decenni e secoli fa possano regalare emozioni e spunti straordinari anche in un'epoca di velocità forsennata.

Ragazzi

Sul fronte letteratura per ragazzi le nostre uscite di maggio prevedono per tre titoli per i giovani lettori. Iniziamo con Prima che sia notte di Silvia Vecchini, arricchito dalle illustrazioni di Sualzo: è la storia di Carlo, che non sente e rischia perfino di perdere la poca vista che gli rimane, e di sua sorella, la voce narrante, una ragazzina battagliera che da sempre trova la sua energia nella complicità con Carlo: spiritoso, allegro, fortissimo nonostante.

Il secondo è un libro di un'autrice inglese di cui Bompiani sta a poco a poco riscoprendo e ripubblicando le opere, Rumer Godden. A marzo arriverà nelle librerie Nella città una rosa, una storia intensa e commovente ambientata nella Londra degli anni '50, un moderno giardino segreto all'interno di una chiesa bombardata.

Dulcis in fundo abbiamo Kahu e la balena di Witi Ihimaera, che arriva dall'altro capo del pianeta, la Nuova Zelanda. Racconta la storia di Kahu, otto anni, che deve il suo nome a Kahutia Te Rangi, il capostipite della tribù maori di suo padre. Di questa tribù l’unico che non riesce a volerle bene è il nonno: è il capo e sperava in un discendente maschio a cui affidare la custodia del loro popolo e delle sue tradizioni. Ma Kahu è una bambina determinata, in lei scorre il sangue di colui che solcava gli oceani e sapeva comunicare con le balene.

 

E per ora è tutto: appuntamento al mese prossimo. Non mancate!